Error: No articles to display

Rinnova il tuo aiuto per migliorare la qualità della vita dei nostri anziani.

 

    VOGLIO DONARE

 

Sito Alloggi Protetti

La Storia

La storia della Fondazione Benefattori Cremaschi ONLUS ha origini molto lontane che risalgono fino alla metà del 1500 in quanto è l'ultimo atto di una serie lunghissima di fusioni e aggregazioni tra le Opere Pie e gli Istituti di Beneficenza del nostro territorio tra essi figurano il Pio Conservatorio delle zitelle (1517), O.P. Figlie ricoverate (1700), O.P.Cronici (1733), O.P Marini (1877), O.P. Carioni Vimercati (1887).

Il 20 Gennaio 1938 molte di queste Opere Pie, fino ad allora facenti capo all'ECA, vennero scorporate da essa ed incorporate nel raggruppamento " Istituto di Ricovero di Crema".  Continua...

Fini Istituzionali

La mission della Fondazione è di fornire prestazioni sanitarie e socio sanitarie a favore delle persone che si rivolgono presso le sue strutture e che necessitano di diagnosi, cure, riabilitazione ed assistenza socio sanitaria.

 

Ciò viene garantito secondo i livelli uniformi di assistenza definiti dalla programmazione regionale, attraverso l’Azienda Sanitaria Locale di Cremona (ASL) con cui la Fondazione stipula annualmente un contratto che ne vincola i livelli delle prestazioni (standards).

 

Accanto alla finalità sanitario assistenziale la Fondazione svolge un ruolo importante verso il contesto sociale del singolo assistito di cui si fa carico in un'ottica globale di umanizzazione dei servizi e dei processi gestionali, ponendo la persona al centro di ogni attività.

Unità di offerta

La Fondazione gestisce le seguenti Unità di offerta:

Presidio di Via Zurla (ex Casa Albergo)

  • Residenza Sanitario Assistenziale (RSA) con 200 posti letto
  • Centro Diurno Integrato (CDI) con 20 posti
  • Prestazioni di FISIOKINESITERAPIE

Presidio di Via Kennedy

  • Struttura di Riabilitazione extraospedaliera con 136 posti letto nelle quattro Aree:
  1. Area della riabilitazione specialistica
  2. Area della riabilitazione generale e geriatrica
  3. Area della riabilitazione di mantenimento
  4. Area riabilitativa ambulatoriale
  • Hospice con 14 posti letto
  • ADI (Assistenza Domiciliare Integrale)
  • Servizi Sanitari Ambulatoriali
  • Nucleo Residenza Sanitario Assistenziale (RSA) con 20 posti letto.

Criteri della Qualità

La Fondazione attua tutti gli standard previsti dalla Regione Lombardia. Ha quindi recepito i criteri di qualità indicati dalla stessa per tutti i cittadini che usufruiscono dei servizi offerti nelle strutture socio sanitarie accreditate .
Ritiene che la rilevazione della qualità (Customer Satisfaction) sia uno strumento di tutela e garanzia dell’adeguatezza dei servizi offerti. Per questa ragione, a cadenza almeno annuale, viene somministrato agli utenti e famigliari un questionario di gradimento in cui viene valutato il servizio offerto in tutte le sue componenti.

Per il miglioramento e a garanzia dei requisiti della qualità la Fondazione Benefattori Cremaschi ONLUS è dotata della Certificazione di qualità (UNIENISO 9001:2008).

L’Ufficio Relazioni con il Pubblico (U.R.P.), istituito presso la Fondazione, è un strumento di mediazione dei conflitti e di ulteriore scambio di informazione tra istituzione e utenti o loro famigliari. È affidata all’ufficio la soluzione dei problemi in merito alla comunicazione, all’informazione, alle notizie e ai procedimenti.
Il Consenso Informato. Qualunque trattamento sanitario necessita del preventivo consenso del paziente, il consenso secondo la normativa deve essere “scritto” e “informato”; ciò significa che la persona deve ricevere un’adeguata informazione circa i vantaggi ed i rischi che ogni pratica sanitaria (diagnostica o terapeutica che sia) può comportare, di conseguenza la persona accorderà il suo consenso mediante un apposito modulo.
L’art. 32 della Costituzione italiana sancisce che nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge, in sintonia con il principio fondamentale della inviolabilità della libertà personale (art. 13).
Il consenso informato non viene di norma richiesto nel caso in cui:

  • le condizioni della persona siano talmente gravi e pericolose per la sua vita da richiedere un immediato intervento di necessità e urgenza indispensabile. In questi casi si parla di consenso presunto;
  • si possa parlare di consenso implicito, per esempio per quelle cure di routine, o per quei farmaci prescritti per una malattia nota. Si suppone, infatti, che in questo caso sia consolidata l’informazione ed il consenso relativo.

Sostienici

Come Sostenere la Fondazione Benefattori Cremaschi

 

Donazioni e agevolazioni fiscali

 

E' possibile sostenere la Fondazione facendo una donazione con:

  • Bollettino Postale Conto Corrente N. 59953398
  • Bonifico Bancario a Fondazione Benefattori Cremaschi OLUS Banca Cremasca Credito Cooperativo IBAN IT43L0707656844000000201131
  • Assegno Bancario non trasferibile
  • CINQUE PER MILLE sulla dichiarazione dei redditi Codice Fiscale Fondazione 01319070197
  • Lasciti Testamentari
Sostienici

Utilizziamo i cookie per garantire la migliore esperienza utente sul nostro sito Web.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo