Error: No articles to display

Rinnova il tuo aiuto per migliorare la qualità della vita dei nostri anziani.

 

    VOGLIO DONARE

 

Errore
  • Errore nel caricamento del componente: com_finder, 1

Attività

L’attività di animazione prende avvio in Casalbergo  nel 1993 con i primi step progettuali  che  si sono mossi su due livelli: 

  • la proposta di un tipo di animazione di intrattenimento e accompagnamento
  • la ricerca ed approfondimento  di un confronto costante  con le figure professionali socio assistenziali e con le realtà  socio culturali cittadine.

A fianco dell’attività curriculare  e quotidiana nel 2005  ha preso il via il nuovo progetto di rete territoriale  SINAPSI che, tirando le fila delle. esperienze di collaborazione  con le varie realtà istituzionali e associative  cittadine, incontrate negli anni precedenti, ha  incrementato il progetto animativo  e  aperto nuove vie di intervento.

Oggi la Fondazione si avvale di un’Area Animativa ampia che comprende:

1. Educatori della Cooperativa Altana

L’Intervento Socio Animativo condotto dagli educatori della Cooperativa Altana  è volto, partendo dall’esperienza e dal particolare vissuto della persona anziana, a pensare e strutturare un intervento attento ad un approccio globale alla persona, nella sua dimensione corporea, affettiva, cognitiva ed espressiva. I Progetti educativi e socio-animativi,  di riabilitazione e riattivazione alla persona, si attivano attraverso una stimolazione globale, che garantisca un adeguato e dignitoso livello di vita ed il benessere psico-fisico degli ospiti. Obiettivo primario, sarà quello di fare sentire la persona parte dello spazio in cui vive, in relazione con le persone che la circondano e partecipe ed in grado di mantenere rapporti adeguati con contesto, persone e tempo. I Progetti indirizzati ai vari reparti/Nuclei: RSA – Struttura Protetta – CDI - Nucleo Alzheimer di Via Zurla e Nucleo Alzheimer e Nucleo “A” del Kennedy, si strutturano e prendono forma attraverso i seguenti interventi:

  • Relazione (Terapia della Reminiscenza, Terapia di Validazione).
  • ROT informale, ROT formale, Ri-orientamento (terapia di orientamento spazio-temporale e personale).
  • Attività di riattivazione della capacità attentiva, di ascolto, comprensione e rievocazione e riattivazione della memoria a breve e a lungo termine (Percorso: “Narrare i ricordi” e  “Racconti di vita” - raccolta di racconti di vita vissuta, riportati dalle personali esperienze delle persone anziane, per consolidare la loro identità e la funzione di memoria storica).
  • Stimolazione cognitiva e funzionale (Mnemotecniche, supporto cognitivo, supporto emotivo).
  • Conversazione/interazione proposta di temi culturali, attualità , vissuto (rivolto a persone con un discreto livello cognitivo)
  • Visione di film e documentari.
  • Laboratorio di scrittura (riattivazione canali linguistici, grafo-motori, espressivi ed emotivi).
  • Stimolazione senso-percettiva  (tatto, udito, olfatto e vista).
  • Giardinaggio, abilità manuali e recupero prassie.
  • Momenti di aggregazione all’aria aperta (sia negli spazi aperti della struttura sia in esterno, con la partecipazione ai vari eventi proposti durante l’anno).
  • Momenti musicali di aggregazione e canto.
  • Laboratori artistici (decoupage, attività di motricità fine, attività creative).
  • Eventi e momenti significativi (feste compleanni, incontri e funzioni religiose).
  • Personalizzazione del contesto ambientale in cui vivono gli ospiti.
  • Coinvolgimento, confronto relazione e mantenimento legami affettivi con la famiglia.
  • Calendario di reparto con associazione di poesie dialettali ed immagini relative al periodo.
  • Relazione di cura/accudimento rivolta ad ospiti particolarmente compromessi e dove esiste un minimo margine di intervento attraverso linguaggio verbale e non verbale
  • Contenimento del disagio e dei disturbi comportamentali
  • Laboratori occupazionali 
  • Laboratori culturali (lettura giornale/libri/riviste, laboratori su tematiche precise).
  • Attività di carattere ludico-ricreativo (tombola, festa dei compleanni, eventi stagionali).
  • Attività di cura e benessere del corpo e della sfera emotiva dell’anziano.
  • Percorsi personalizzati in base ai bisogni, patologia e capacità di ogni ospite. (Relazione e contatti con familiari, verifica e sistemazione contesto e/o modalità d’agito).
  • Riunioni e confronti in equipe.

2. Progetto di rete SINAPSI

La Fondazione come Soggetto Culturale – Come e perché partecipare alla Rete delle Agenzie Istituzionali del territorio” questa è l’originale formulazione da cui la Fondazione Benefattori Cremaschi è partita, nel 2005 per ideare, il progetto di Rete Territoriale SINAPSI.
 Il progetto è destinato alla proposta creazione sostegno di una rete permanente di relazioni e attitudini di scambio verso e da agenzie territoriali.

La Fondazione come soggetto culturale è uno dei soggetti attivi di una cultura dell’incontro insieme ai numerosi altri soggetti pubblici e privati della città e del territorio.

A questi soggetti, e dunque alla rete di SINAPSI, si chiede di declinare il collegamento delle culture e dei linguaggi di cui ogni soggetto e ogni agenzia sono portatori.

Ciò che costituisce la vera ricchezza di SINAPSI è la costante ricerca di quel “come e perché partecipare” che trova risposta nel grande numero di collaborazioni che sono stati attivate in questi anni.

Tra i protagonisti del movimento creatosi a sostegno del progetto figurano : le Scuole, le Associazioni di volontariato, Associazioni Culturali, Enti pubblici territoriali, e molte Aziende commerciali.

Tutti hanno colto il messaggio sociale e comunitario che la filosofia di SINAPSI promuove costantemente e che può essere sintetizzato in un unico assioma: la F.B.C. è un patrimonio della Comunità cittadina e come tale può essere riconosciuto ed apprezzato da tutta la cittadinanza. Il progetto è suddiviso in 4 AREE di intervento. Scarica il pdf con le aree.

 

3. Progetto "Una sala per la città"

La Fondazione Benefattori Cremaschi Onlus intende rilanciare l’utilizzo della Sala Polifunzionale, sita presso la RSA di via Zurla, in favore degli anziani ospiti della struttura, dei loro familiari e della cittadinanza tutta. Attualmente lo spazio viene utilizzato per corsi di formazione, e per alcuni degli eventi organizzati all’interno del progetto di rete territoriale SINAPSI . Si intende dar vita ad un luogo di incontro e scambio culturale e sociale che offra nuove opportunità di programmazione ed integrazione degli spazi, già presenti in città, ma spesso insufficienti a coprire la richieste . L’attività che si svolgerà presso la Sala Polifunzionale, recentemente attrezzata, offrirà infine nuove occasioni per gli anziani della F.B.C. di incontrare la città e di sentirsi partecipi della sua vita comunitaria. Presso la sala potranno svolgersi attività quali:

  • Attività di concerti
  • Rappresentazione di spettacoli teatrali
  • Proiezione di film e documentari per gli anziani.
  • Organizzazione di conferenze e convegni aperti alla città e in collaborazione con componenti della rete socio assistenziale del territorio.

Utilizziamo i cookie per garantire la migliore esperienza utente sul nostro sito Web.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo